Incidenza e tecniche di diagnosi del tumore al seno

prevenzione-del-cancro-al-seno

Il tumore al seno  rimane la seconda causa di morte delle donne.

La situazione è davvero allarmante poiché  si sta abbassando velocemente l’età di manifestazione delle patologie cancerose mammarie alle over 30, addirittura nelle donne tra i 25 e i 44 si registra negli ultimi sei anni un aumento del 28,6%.

La prognosi è fortemente influenzata dalla tempistica con la quale si effettua la diagnosi.

La mammografia non può essere considerata uno strumento ideale per ottenere una diagnosi precoce,  è poco efficace nei seni densi tipici dell’età giovanile, la fascia d’età più a rischio.

Le giovani donne non usufruiscono dei benefici dello screening mammografico perché generalmente si ammalano prima dell’inizio dello screening.

L’innovazione affianca all’ ecografia e alla mammografia digitale – strumento più sensibile e che emette minori dosi di radiazioni rispetto alla tradizionale – il ComfortScan, uno strumento integrativo ideato ad Harvard (Usa) e già disponibile in 40 centri d’Italia tra i quali il Policlinico Mangiagalli e l’Ospedale Fatebenefratelli di Milano, l’Istituto Clinico San Donato con le Cliniche Zucchi di Monza, l’istituto Previdenza Assistenza del Comune di Roma, il Gruppo Habilita San Marco di Bergamo, il Gruppo Sanitario FARE dell’Aquila, l’Istituto Nazionale dei Tumori Pascale di Napoli e il centro IGEA di Frattamaggiore.

Tramite l’ esame ottenuto con ComfortScan si è in grado di identificare precocemente la formazione del tumore. 

L’apparecchio esegue uno studio dell’assorbimento della luce da parte dell’emoglobina deossigenata, presente in modo evidente in caso di neoangiogenesi tumorale, ed è capace di rilevare l’elasticità dei vasi compressi, riuscendo a discriminare la natura del vaso fra neoangiogetico tumorale e fisiologico.

La tecnologia DOBI, non è né invasiva, né dolorosa o radiante.

Questo percorso diagnostico è senza dubbio il più efficace, efficiente e conveniente per indirizzare un second–look ecografico e ridurre il numero di biopsie e di risonanze magnetiche.

Presso il centro IGEA di Frattamaggiore è possibile effettuare un programma di prevenzione:

  • Visita Senologica
  • Ecografia Mammaria con Sonoelastografi
  • D.O.B.I.
  • Mammografia bilaterale digitale
  • Consulto senologico conclusivo e chiusura della cartella clinica

Dettagli sull'autore

IGEA Frattamaggiore è un polo sanitario d’eccellenza, a Napoli e in Campania da oltre 20 anni

COMMENTI (2)
Rispondi

Sono stata operata al seno qualche anno fa. Vorrei fare una ecografia per la prevenzione.

Lascia un Commento

Nome (richiesto)
Email (richiesto)
Commenta (richiesto)

Potresti usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>